Nuovo Prezzi ridotti! SOVIET PIANO. I pianisti dalla Rivoluzione d'Ottobre alla guerra fredda di Luca Ciammarughi ED.ZECCHINI

SOVIET PIANO. I pianisti dalla Rivoluzione d'Ottobre alla guerra fredda di Luca Ciammarughi ZECCHINI ED.

Nuovo prodotto

SOVIET PIANO. I pianisti dalla Rivoluzione d'Ottobre alla guerra fredda

Autore: Luca Ciammarughi ZECCHINI ED.

Maggiori dettagli

1 Articolo

Disponibile

27,55 € tasse incl.

-5%

29,00 € tasse incl.

Scheda tecnica

ProdottoLibro
ModelloSaggistica
ProprietàZECCHINI EDITORE

Dettagli

SOVIET PIANO. I pianisti dalla Rivoluzione d'Ottobre alla guerra fredda

Autore: Luca Ciammarughi ZECCHINI ED.

L'adolescente Horowitz vede il suo pianoforte defenestrato, il piccolo Cherkassky sente il sibilo di un proiettile che passa appena sopra la sua testa e si conficca nel muro di casa, il principino Magaloff fugge in slitta con la famiglia: tre flash di una rivoluzione che un secolo fa, con l'Ottobre Rosso, sconvolse il mondo e anche le vite di molti musicisti.
Partendo dalle reazioni di eccitazione e paura che gli artisti ebbero di fronte alla presa di potere bolscevica, questo libro ha l'obiettivo di delineare per la prima volta un quadro complessivo dei rapporti fra i pianisti classici e il regime sovietico, dal 1917 al 1991. Su uno sfondo composto dalle vestigia della Russia ottocentesca e dalla nuova temperie modernista, eroismi e drammi si intrecciano: il solitario orgoglio di Sofronickij, la ribellione di Marija Judina a Stalin, l'arresto di Neuhaus per le sue origini tedesche e quello di Štarkman per omosessualità, i tormenti interiori di Richter e Gilels, le avventure e disavventure col KGB di Aškenazi, Egorov, Berman, Rudy, Gavrilov e molti altri. Sono virtuosi, ma prima di tutto uomini, gli innumerevoli pianisti che incontriamo in quest'epoca di eroi e antieroi, cresciuti in un sistema scolastico perfetto ma poi spesso impossibilitati a varcare la cortina di ferro. Nel mistero di un'arte fiorita sotto il regime, questi artisti ci parlano di crudeltà e bellezza, dell'eterno scontro fra materialismo e spiritualità, dell'imprevedibile intrecciarsi di etica ed estetica.